CineDivano

divano2


CINEDIVANO
Visioni domestiche al tempo del Coronavirus

Ogni lunedì, direttamente dal vostro divano!


Cineforum Labirinto presenta una rassegna virtuale, un appuntamento settimanale a distanza di sicurezza dedicato a piccoli grandi capolavori del cinema.

CineDivano” è un contenitore di visioni cinematografiche, ideato per passare insieme alcune serate di cinema direttamente da casa. Ogni settimana, di lunedì, una mail personalizzata custodirà le informazioni necessarie per guardare un film selezionato da Cineforum Labirinto in download o in streaming, grazie alle piattaforme digitali gratuite attive in questo periodo.

I film selezionati spazieranno da classici senza tempo a film girati da autori contemporanei, passando per alcune pellicole meno conosciute che avremmo voluto proporvi in passato. Ovviamente lasciamo spazio anche ai vostri consigli, oltre che a commenti e osservazioni che potete lasciarci via mail o negli spazi dedicati ai commenti sul sito e sui social.

Il film della settimana sarà anticipato nel sito e nei canali social di Cineforum Labirinto e ogni iscritto a “CineDivano” riceverà una mail dalla quale potrà accedere alla pellicola settimanale e ad una breve scheda di approfondimento.

Per prenotare un personalissimo posto a sedere direttamente dal vostro divano per la rassegna virtuale cliccate su CineDivano o scriveteci a cineforumlabirinto@gmail.com.

 


Visione #1 / Lunedì 23 Marzo 2020

IL FANTASMA E LA SIGNORA MUIR
di Joseph L. Mankiewicz (USA 1947, 105’)

sito_ghostand mrsmuir

La giovane e affascinante vedova Lucy Muir si trasferisce in una casa in riva al mare abitata dal fantasma di un capitano di marina. Quando si accorge del fatto, la donna viene presa dallo sgomento e pensa di fuggire ma lo spettro è in realtà un vero gentiluomo e i due diventano in breve ottimi amici. 

Un amore impossibile e a dir poco surreale in una commedia brillante d’altri tempi, deliziosamente congegnata da Mankiewicz e impreziosita da un cast di attori capitanato da un’irresistibile Gene Tierney.


Visione #2 / Lunedì 30 Marzo 2020

ROBOT & FRANK
di Jack Schreier (USA 2012, 89’)

robot and frank banner

Frank è un anziano burbero e solitario che inizia a mostrare i primi segni del passare del tempo. Preoccupati per la salute del padre, i figli decidono di comprargli un robot che possa prendersi cura di lui. Inizialmente restio alla presenza del robot in casa, con il tempo Frank inizia a trarre piacevolmente vantaggio dalla presenza del piccolo automa. Con il tempo tra Frank e il robot si instaura una bizzarra amicizia che fa riaffiorare nell’uomo la sua antica e illegale passione per i furti.

“Robot & Frank” è una commedia brillante su un’amicizia speciale tra un anziano e un piccolo robot. È un film che diverte fin dal primo minuto senza rinunciare a riflettere con ironia sulla condizione dell’anziano Frank, abbandonato dai figli nelle mani bioniche del suo nuovo amico e complice.


Visione #3 / Lunedì 6 Aprile 2020

IL CORVO
di Henri-Georges Clouzot (Francia 1943, 92’)

Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-06

Nella tranquilla località francese di Saint-Robin, la quiete viene turbata da un anonimo che si firma il “Corvo” (le “Corbeau”), il quale inizia a scrivere lettere minatorie a varie personalità note del posto. Sulle tracce del colpevole inizierà ad indagare Rémy Germain, stimato medico del paese e principale bersaglio del “Corvo”.

Ispirato ad una storia vera, un noir pungente  firmato da uno dei più autorevoli e influenti maestri del cinema francese, Henri-Georges Clouzot, genialmente spietato nell’intento di mostrare al pubblico cosa si nasconde dietro la facciata immacolata di un piccolo paese di provincia.


Visione #4 / Lunedì 13 A 2020

TiMER
di Jac Schaeffer (USA 2009, 99’)

TiMer2

E se un orologio indicasse quanto tempo manca all’incontro con la propria anima gemella? In una versione alternativa di una moderna Los Angeles un apparecchio rivoluzionario chiamato TiMER realizza questo sogno.
Fantastico, vero? Non se ti chiami Oona O’Leary!

La regista Jac Schaeffer sfruttato uno stratagemma  sci-fi in funzione della spensierata e gradevole atmosfera della commedia. Brioso e molto leggero, il film non disdegna una critica al modello americano, stilizzato attraverso l’immutabile determinismo in campo affettivo causato dal TiMER.


Visione #5 / Lunedì 20 Aprile 2020

IL TEMPO SI E’ FERMATO
di John Farrow (USA 1948, 93’)

clock

Jannoth, magnate della stampa, uccide per gelosia la propria amante e incarica uno dei giornalisti più brillanti del “Crimeway Magazine” di scoprire il colpevole. L’investigatore scopre una serie di indizi che sono però tutti a suo carico.

Suggestivo noir americano la cui ingegnosa vicenda criminale fa perno su un simbolico grande orologio, metafora del potere malefico del magnate Jannoth. Tratto dal romanzo di Kenneth Fearing, un thriller carico di suspance, impreziosito dalle magistrali intepretazioni di Charles Laughton e Ray Milland.


Visione #6 / Lunedì 27 Aprile 2020

LOS VIAJES DEL VIENTO
di Ciro Guerra (Colombia 2009, 117’)

losviajesdelviento_007

Ignacio Carrillo ha viaggiato per tutta la sua vita attraverso le regioni e i villaggi della Colombia del Nord, portando con sé la sua musica e i canti tradizionali del suo popolo insieme all’accordion, un leggendario strumento musicale che pare fosse maledetto perché appartenuto al diavolo. Con l’arrivo della maturità, Ignacio si sposa e si stabilisce con la moglie in un piccolo villaggio, ma un avvenimento particolare lo spingerà a compiere un ultimo viaggio verso le terre del Nord.

Diretto da Ciro Guerra, regista colombiano premiato con l’Oscar per il potentissimo “El abrazo de la serpiente”, il poetico e musicale “Los viajes del viento” trasporta lo spettatore nel cuore della Colombia e del suo irresistibile paesaggio per un’immersione in riti e credenze che resistono nel tempo, in compagnia del suono inconfondibile dell’accordion.


Visione #7 / Lunedì 4 Maggio 2020

INFEDELMENTE TUA
di Preston Sturges (USA 1948, 105’)

infedelmente

Un direttore d’orchestra particolarmente geloso crede che la moglie gli sia infedele e durante un concerto immagina tre modi diversi di risolvere la situazione. L’immaginazione del direttore è influenzata dalle musiche dell’esibizione e l’ossessionato musicista si imbatterà in tre diversi scenari suggeriti dalle melodie di Rossini, Wagner e Ciajkovskij.

Condotta come una raffinata parodia del genere mélo, una commedia brillante e al veleno, firmata (anche in sede di sceneggiatura) da quel grande fustigatore di costumi americani che risponde al nome di Preston Sturges.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Un pensiero su “CineDivano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...