AKI KAURISMAKI

01_Uomo2

Cineforum Labirinto, in collaborazione con TRA – Treviso Ricerca Arte, presenta la nuova rassegna “Aki Kaurismäki”. A partire da metà ottobre, il piano nobile di Ca’ dei Ricchi ospiterà tre appuntamenti cinematografici dedicati al cinema poetico del regista finlandese.

Forse ho pensato di fare cinema perché non sono capace di nessun lavoro onesto. Camminavo ogni giorno su e giù per le vie del centro di Helsinki cercando di rimediare i soldi per bere, ma era sempre più difficile trovarne. Allora ci siamo detti: cominciamo a fare film“. Così Kaurismäki, perfettamente in linea con il suo stile ironico e stralunato, spiega i suoi esordi dietro la macchina da presa. Da quel giorno, Kaurismäki ha creato una notevole serie di piccoli grandi capolavori, mutando temi e ambientazioni ma al tempo stesso codificando un registro visivo e narrativo unico e riconoscibile, connotato da una vena grottesca e surreale, da un’attenzione maniacale alla composizione cromatica dell’immagine e dalla irriducibile passione per la musica rock. Il cinema puro e poetico di Kaurismäki sarà raccontato in tre tappe che vogliono celebrare tre diversi momenti della carriera del regista finlandese.

banner1banner2banner3

La rassegna sarà inaugurata da un film diventato un vero e proprio cult e un punto di riferimento per la cinematografia europea, “L’uomo senza passato” (2002), in programma venerdì 18 ottobre, alle ore 21. Vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria e del Premio per la migliore interpretazione femminile (a Kati Outinen) al 55º Festival di Cannes, il film racconta una storia illuminata di tenerezza e di humour con protagonista un malcapitato viaggiatore che, giunto alla stazione di Helsinki, perde la memoria a causa di un’aggressione da parte di un gruppo di balordi. Portato in ospedale e considerato ormai senza speranza di vita, all’improvviso si risveglia, si allontana e privo di memoria inizierà una seconda vita, assolutamente ricca di colpi di scena.

Nel mese di Novembre, l’appuntamento monografico dedicato a Kaurismäki ci porterà indietro nel tempo all’inizio degli Anni Novanta, quando il regista finlandese realizzò il divertente e surreale “Ho affittato un killer” (1990), ambientato a Londra e impreziosito dall’interpretazione di Jean-Pierre Leaud, mitico attore feticcio di François Truffaut. In scena a Ca’ dei Ricchi venerdì 8 Novembre, alle ore 21, anche quest’altra stralunata opera firmata da Kaurismäki ha un protagonista piuttosto eccentrico, Henri Boulanger, un impiegato straniero di una ditta londinese che, a seguito del licenziamento, decide di togliersi la vita. A questo fine assolda un ostinato killer ma non appena conosce e si innamora di Margaret cambia idea e cercherà in tutti i modi di sfuggire al killer da lui stesso ingaggiato.

L’ultima proiezione, in programma venerdì 6 Dicembre, sempre alle ore 21,  sarà dedicata alla visione de “L’altro volto della speranza” del 2017. Premiato a Berlino con l’Orso d’argento per la miglior regia, l’ultimo film di Kaurismäki uscito in sala è un delicato capolavoro sul tema dell’immigrazione in cui l’autore, con toni laici e umoristici,  evidenzia la solidarietà e la comprensione verso gli altri con un’ottimistica fiducia nell’umanità. Giunto alla piena maturità artistica, Kaurismäki raffigura l’incontro tra un rifugiato siriano in attesa di asilo e uno squattrinato commesso viaggiatore che ha appena vinto una fortuna al gioco, riuscendo a creare con leggerezza un film profondo e molto molto prezioso.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...