MARC RIBOT: “THE DOCKS OF NEW YORK” / 21 aprile

ONLAND_08feb_FACEBOOK_02


martedì 21 aprile 2015 / 21.30 / Spazio Aereo – Marghera (VE)
THE DOCKS OF NEW YORK di Joseph von Sternberg
sonorizzazione del vivo realizzata da Marc Ribot
15 € posto unico a sedere (in prevendita) – prenota ora
18 € posto unico a sedere in serata

Ingresso riservato soci ARCI – è possibile effettuare il tesseramento in loco


Il 21 aprile 2015 alle ore 21.30 il leggendario chitarrista statunitense si esibirà in anteprima assoluta per l’Europa e unica data in Italia con il suo nuovo progetto che accompagna e interpreta le immagini del film “ The Docks of New York” girato nel 1928 da Joseph von Sternberg e conosciuto dal pubblico italiano con il titolo di “I dannati dell’oceano”.

“The Docks of New York” (1928) è un film muto diretto da Josef von Sternberg e interpretato da George Bancroft, Betty Compson e Olga Baclanova. Il film è un riadattamento, ad opera di Jules Furthman, del racconto “The Dock Walloper” di John Monk Saunders.

La trama del film racconta la storia di un marinaio che nella sua sola serata di permesso a terra salva dal suicidio una ragazza e decide di sposarla. Il matrimonio è celebrato da un falso pastore nella taverna del porto. Il mattino dopo il marinaio ritorna a bordo e la ragazza è arrestata per furto. Il porto nella baia di New York è il luogo in cui le vite dei protagonisti si sviluppano; “I dannati dell’oceano”, per parafrasare il titolo italiano, sono marinai, operai, prostitute, gente sola e abbandonata dalla società, dal sistema politico e che devono fare i conti con il costante senso di solitudine interiore e abbandono sociale: i dock sono i loro punti di approdo, i loro unici luoghi di speranza. Senza dignità, senza diritti, con stracci lerci per coprire i loro corpi martoriati dalle intemperie dei loro mestieri usuranti si specchiano nell’oceano, che porta disgrazie e risucchia le speranze di chi vive sopra di lui e non riesce a trovare pace sulla terra.

I suoni della chitarra di Marc Ribot accompagnano queste immagini e elevano la narrazione ad un livello superiore, alternando momenti giocosi a cacofonie disperate, che si confondono fino ad aderire alle immagini e alle vite dei personaggi del dramma. Passando da un estremo all’altro in un continuo rimando tra visione e ascolto, Ribot traduce le speranze, le sfortune e le passioni dei protagonisti in un crescendo di dissonanze sonore con cui la sua chitarra cattura il pubblico grazie alla sua capacità di lavorare coi contrasti, perennemente in bilico tra catastrofe e catarsi salvifica.

Per ulteriori informazioni: Film / Marc Ribot

Marc Ribot “The Docks of New York”
è parte della rassegna VISIONI AEREE
realizzata in collaborazione con SpazioAereo


VIDEO


GALLERY

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...